Laura Neri “…fino a quando la nostra anima e la nostra personalità sono in armonia, tutto è gioia e pace, felicità e salute”
E. Bach
Via G. Guisan 4 - 6962 Viganello CH
0041 (0)76 516.94.43 laura@fioridibach.info
 
fiorinoI miei Articoli - Beech fiorino

Beech ci aiuta ad essere più tolleranti

Care lettrici e cari lettori,
primo lato della medaglia: è capitato anche a voi, almeno una volta, di provare quella brutta sensazione di essere criticati dagli altri in maniera dura e sarcastica? Avete mai temuto  che dietro il giudizio di un collega, di un amico o della compagna si nascondesse un attacco personale al quale avete reagito mettendovi sulla difensiva? Oppure un commento negativo da parte del vostro capo riguardo le vostre capacità vi ha portato ad allontanarvi da un progetto, un compito o una responsabilità? Sì?
L’altro lato della medaglia: vi è mai capitato di CRITICARE, ATTACCARE, GIUDICARE in quel modo? Sì?
Il rimedio di cui desidero parlarvi oggi è Beech – il faggio -  fiore appartenente alla categoria “preoccupazione eccessiva per il benessere altrui”. Insieme a Chicory, Rock Water, Vervain e Vine, la persona Beech ha un senso di superiorità nei confronti degli altri e lo dimostra in maniera molto chiara: criticando! Chi vive infatti uno stato Beech negativo è intollerante per natura ed estremamente polemico; nulla va mai bene a sufficienza, e si accanisce a cercare la pagliuzza nell’occhio altrui senza accorgersi  della trave nel proprio. Beech è ipersensibile al mondo esterno: le urla dei bambini che giocano a nascondino in giardino, il trapano (o i tacchi!) del vicino di casa, la  musica assordante che proviene dalla camera dei ragazzi! Per non parlare del bisogno di sottolineare gli errori commessi dagli altri; c’è sempre qualcosa da correggere e rettificare: la piega dei pantaloni stirati (male ovviamente!), l’abbinamento delle scarpe della signora, l’orribile quadro appeso al muro e via dicendo…
 
Può sembrare incredibile, ma i tipi Beech criticano gli altri per il loro bene! Secondo il loro punto di vista le osservazioni (critiche per noi altri) sono giuste e utili a correggere gli errori e migliorare chi sta loro intorno. Quello che pero’ non sanno è che  attaccare con commenti sprezzanti, gli angoli della bocca rivolti verso il basso e  un atteggiamento di superiorità ha l’ effetto opposto: le persone si allontanano, perdono entusiasmo in cio’ che stavano facendo, si demotivano.

Con Beech impariamo ad accettare gli altri, comprendere gli errori commessi dal prossimo ed essere piu’ gentili verso se stessi ed il mondo esterno. Questo splendido rimedio aiuta a comprendere la differenza tra una critica distruttiva ed un giudizio efficace e pro-positivo.
Desideriamo essere più tolleranti e diventare capaci di comunicare al prossimo in modo costruttivo? Assumiamo Beech e seguiamo alcuni suggerimenti che Daniel Goleman illustra nel suo libro “L’Intelligenza emotiva”. Affinché il nostro suggerimento possa essere ben accolto da chi lo riceve e lo possa motivare a migliorare nel suo lavoro, è importante imparare a rivolgerci direttamente alla persona interessata, specificando con chiarezza su cosa non siamo d’accordo (un comportamento specifico, un modo di fare particolare) senza chiuderlo in un angolo  e offrendogli  una possibilità di trovare una soluzione.  Dati i vantaggi che ENTRAMBI potrebbero ottenere io credo che valga la pena di provare!


 

Laura Neri
Bach Practitioner

fiorinoindietrofiorino

 

 

 
sciaweb